Browse By

Risotto al parmigiano con uovo in camicia e tartufo

Condividi l'articoloTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Share on Facebook

Risotto con uovo in camicia e tartufo

 

 

Un piatto semplice per valorizzare il magico ingrediente del tartufo. Rompete alla prima forchettata l’uovo in camicia per completarne il sapore.

Ingredienti per 4 persone:

  • 5 pugni di riso (1 a testa, più uno per la pentola)
  • 1 scalogno
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • 1 litro di brodo di carne leggero
  • 50g di parmigiano
  • 1 noce di burro
  • 4 uova
  • tartufo
  • olio
  • sale
  • pepe

Procedimento:

  1. Preparare le uova in camicia (vedi qualche consiglio alla fine della ricetta) e metterle da parte.
  2. Tagliare lo scalogno fine, soffriggere in poco olio e un pizzico di sale.
  3. Aggiungere il riso e tostarlo finché non diventa traslucido e comincia ad attaccarsi.
  4. Sfumare con il vino bianco.
  5. Aggiungere brodo un poco alla volta fino a cottura del riso, secondo le tempistiche del riso scelto (intorno ai 20 minuti). Aver cura di lasciare il riso mai secco ed anche a fine cottura che sia cremoso, all’onda.
  6. Quando il riso è cotto, ma ancora al dente, spegnere il fuoco e mantecare col burro e parmigiano. Tenere coperto per pochi minuti.
  7. Impiattare con una spolverata di pepe, l’uovo ed il tartufo.

L’uovo in camicia: semplice o difficile?

Per chi non l’ha mai fatto, cuocere un uovo in camicia sembra una tecnica complessa, un prodotto delicato e pronto a rompersi al minimo tocco. Una volta imparati i gesti diventerà invece facile. Come fare quindi? Semplice, provate, provate e riprovate.

Ci sono on-line tantissimi video che vi mostreranno come cuocere un uovo in camicia, guardatene un paio e poi lanciatevi nei primi tentativi. Posso solo aggiungere qualche piccolo consiglio: usate una pentola abbastanza grande e con abbastanza acqua, girate con una frusta per creare il vortice, tuffate l’uovo senza esitazione nel vortice.

Condividi l'articoloTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Share on Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *