Browse By

Sashimi new style di manzo all’olio di Argan

Condividi l'articoloTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Share on Facebook

Sashimi new style di manzo con olio d'Argan

Vi abbiamo già proposto ricette di sashimi new style di pesce, eccone una più delicata ed “occidentalizzata” di manzo. Alla carne cruda, solo scottata, viene aggiunto l’inconfondibile sapore del prezioso olio di Argan.

Ingredienti:

  • Carpaccio di manzo
  • Sale in grana media (l’ideale è il sale nero)
  • Cipollotti (solo parte verde)
  • Olio d’oliva
  • Olio d’Argan

Procedimento:

  1. Disponete sul vassoio di portata il carpaccio di manzo.
  2. Tagliate finemente il cipollotto verde e disponetelo assieme al sale sul manzo.
  3. In un pentolino far scaldare l’olio d’oliva fino a quando non comincia a fumare, poi spargetelo a filo sul manzo facendolo scottare.
  4. Con un cucchiaino distribuite sul vassoio di portata poche gocce d’olio di Argan.

In pochi gesti un viaggio nel mondo: una fusione fra un piatto Giapponese nato in Cile ed il Marocco

La ricetta del sashimi new style si deve a Nobu Matsuhisa, un cuoco di origine giapponese formatosi in Cile, uno dei più famosi esponenti di fusion al mondo. Nella ricetta originale il sashimi di pesce viene fatto scottare con olio di oliva ed olio di semi di sesamo, un piatto che a detta di Nobu serve per avvicinare al sashimi chi non ama il pesce crudo. In questo sito trovate due ricette, una “classica” di Nobu ed una rivisitazione con avocado.

Il sashimi però si può fare anche di carne oltre che di pesce, ed i gusti cambiano non poco.

In questa ricetta accosto al manzo il sapore del prezioso olio di Argan, che a differenza di quello di semi di sesamo non va assolutamente cotto. Il sapore è talmente delicato che è meglio non aggiungere la salsa di soia delle ricette tradizionali, ma lasciare che la dolcezza della carne e l’aroma dell’olio di Argan dialoghino senza la violenta sapidità dei fermenti di soia.

L’olio di Argan per uso alimentare? Certo: è un ingrediente unico, tanto raro quanto buono. Presto o tardi vi scriverò qualcosa di più su questa delizia proveniente dal vicino Marocco…

 

Condividi l'articoloTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Share on Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *