Browse By

Le paste ripiene: ultima (?) lezione con Rina @ Il Neoclassico

Condividi l'articoloTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Share on Facebook

tortelloni e ravioli

Secondo appuntamento con la pasta sfoglia, questa volta dedicato alla pasta ripiena: tortelloni ricotta e spinaci e ravioli ricotta e noci.

Tortelloni e ravioliLa tecnica per tirare la sfoglia è sempre la stessa, ma questa volta teniamo la pasta leggermente più umida (meno farina quindi). I consigli di Rina sono poi semplici: tirare la pasta il più rotondo possibile per non avere scarti (sono tornato a casa con un bel sacchetto di maltagliati infatti…) e lavorarla velocemente affinché non si secchi. Se la pasta è morbida e lavorata in fretta si chiude senza doverla bagnare o al massimo, come mi è capitato con i ravioli, con qualche colpo di forchetta — grazie al quale i bordi prendono anche una forma più ondeggiante che non guasta di certo.

Il ripieno di ricotta e spinaci e ricotta e noci Lavorare nella splendida cornice del Neoclassico I quadrotti con ripieno pronti per essere piegati come tortelloni I ravioli si seccano sulla rete

Piegare i tortelloni sembra semplice ed in fondo lo è. La pasta viene tagliata a quadretti, si aggiunge una cucchiaiata di ripieno, si piega e chiude il triangolo con le dita e poi si piega il tortello. Un gesto bellissimo che non vi descrivo ora, magari in un prossimo post oppure al vostro prossimo corso di sfoglina, e veder accumularsi i propri piccoli gioielli uno a fianco all’altro sulla rete per seccarsi è una piccola gioia.

Oltre a Rina, durante il corso siamo aiutati da Peppe, che mi elargisce un prezioso consiglio per la conservazione della pasta fresca: sbollentarla uno o due minuti e lasciarla raffreddare con un filino d’olio di semi poco saporito. Si conserva a lungo in frigo senza che l’umido del ripieno disfi o alteri il sapore della pasta.

I consigli di Peppe I miei ravioli ed i miei tortelli Un meritato bicchiere di vino con le mie creature Sfoglino "professionista"

Che dire, il corso è purtroppo finito (troppo breve!), ma torno a casa con due bei vassoi e la voglia di riprovare al più presto a lavorare la pasta. I miei gioielli sono ora pronti per essere mangiati. Una ricetta? Arriveranno presto, molto presto sul blog…

 

Condividi l'articoloTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Share on Facebook

One thought on “Le paste ripiene: ultima (?) lezione con Rina @ Il Neoclassico”

  1. Pingback: Tortelloni burro e salvia - Ricetta di SoulKitchen.it
  2. Trackback: Tortelloni burro e salvia - Ricetta di SoulKitchen.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *